mercoledì, Novembre 20, 2019
Home > Food > Bomba calabrese ricetta originale

Bomba calabrese ricetta originale

bomba calabrese ricetta originale

Ecco la nostra ricetta della bomba calabrese originale!

Siete stati in Calabria ed avete assaggiato una salsa buona, forte e che vi ha conquistati con la sua irresistibile piccantezza ed ora siete disperati perché non riuscite a trovarla al supermercato?

Chi può darvi torto, una volta assaggiata la bomba calabrese non si torna più indietro! Sui crostini, con il pane, con le friselle e chi più ne ha più ne metta! Sono infiniti i modi in cui gustare questa deliziosa bontà. Tuttavia, lo so, trovarla da acquistare già pronta fuori dalla regione d’origine è molto difficile e, tra l’altro, non è nemmeno detto che se anche riusciste a trovarla, essa si avvicini al sapore dell’originale.


Perché allora non provate a farla con le vostre mani? È un procedimento lungo, questo ve lo possiamo anticipare, ma è molto semplice e sicuramente la soddisfazione di averla fatta con le vostre mani la renderà ancora più buona!

Ecco quindi a voi la ricetta tradizionale della bomba, proprio come la farebbe una nonna calabrese.

Ingredienti per la bomba calabrese

  • 1,5 kg di melanzane
  • 1,5  Kg di peperoni
  • Una decina di peperoncini piccanti (a seconda del grado di piccantezza che si vuole ottenere)
  • Pomodori secchi (circa una ventina)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 200 gr di acciughe
  • Basilico
  • Capperi dissalati
  • Prezzemolo
  • Aceto di vino bianco q.b.
  • Sale grosso q.b.

 

Procedimento

La prima cosa da fare per realizzare questo gustosissimo manicaretto è preparare le verdure. Non sottovalutate questo passaggio perché è fondamentale per ottenere una bomba perfetta, come da tradizione.

Occorre innanzitutto lavare e asciugare bene le verdure, rimuovere semi e piccioli e tagliarle a listarelle. I peperoncini andranno tagliati lungo la loro lunghezza.

Ora prendete una ciotola e disponete le verdure in uno strato, cospargetele con abbondante sale grosso e continuate con un altro strato di verdure. Cospargetele di nuovo di sale e così via finché non saranno esaurite. Posizionate quindi, sopra l’ultimo strato, un piatto con sopra un peso, in modo che le verdure vengano sottoposte ad una discreta pressione. Lasciatele riposare per 24 ore. Questo passaggio, grazie all’aiuto del sale, serve a far perdere tutta l’acqua in eccesso ed è fondamentale. Non pensate di saltarlo o di accorciarne i tempi, poiché vi ritrovereste con un prodotto finale molto “annaquato”.

Trascorse le 24 ore togliete piatto e peso e strizzate con forza tutte le verdure, così da separarle dall’acqua e ponetele in un’altra ciotola asciutta. Coprite le verdure con abbondante aceto e lasciatele nuovamente riposare per 3 o 4 ore.

Trascorso questo tempo dovrete nuovamente strizzarle per togliere l’aceto in eccesso ed aggiungere acciughe, capperi, aglio e pomodori secchi. Questo composto va quindi tritato in maniera grossolana, messo nei vasetti di vetro sterilizzati e totalmente coperto con l’olio. Per circa una settimana bisognerà controllare il composto ed aggiungere olio, nel momento in cui la salsa dovesse risultare scoperta.

Dopo una settimana potrete quindi chiudere ermeticamente i vostri vasetti et voilà, la vostra bomba calabrese è pronta ad essere divorata!

 

Suggerimento

Per sterilizzare i vasetti di vetro fate bollire una pentola di acqua con un po’ di bicarbonato sciolto dentro. Quando l’acqua sarà bella fumante, ma prima del bollore, toglietela dal fuoco e passateci velocemente i vasetti. Fate attenzione allo shock termico che potrebbe romperne il vetro. Passateli prima sotto l’acqua calda e dopo in quella bollente, così dovreste evitare rotture e al contempo sterilizzare efficacemente. Lavate ora i vasetti sotto l’acqua fredda ed asciugateli con un panno pulito. Sterilizzarli è molto importante perché eventuali batteri presenti all’interno potrebbero far andare a male la vostra preziosa salsa molto prima del tempo.

Redazione
Redazione
Contattaci per informazioni e collaborazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *