Trekking delle Isole Eolie in una settimana

Trekking delle Isole Eolie in una settimana

Magnifico Tour delle Isole Eolie, a piedi, in 7 giorni

Le isole Eolie o isole Lipari, appartenenti amministrativamente alla provincia di Messina, sono un arcipelago di rara bellezza e destinazione turistica preferita, ogni anno, da almeno 600.000 visitatori.

Le sette isole: Filicudi, Alicudi, Lipari, Salina, Vulcano, Stromboli e Panarea, sono situate nel mar Tirreno, a nord delle coste della Sicilia, ed hanno in comune un’origina vulcanica; due di esse, inoltre, Vulcano e Stromboli, sono vulcani attivi.

Scoprire le Eolie a piedi, in un trekking di 7 giorni, è un’esperienza davvero unica: dopo averle raggiunte in traghetto prenotando sul sito Traghetti Isole Eolie potrete iniziare il vostro percorso fra un alternarsi di mare, coste frastagliate, baie solitarie, rocce di tufo e pietra lavica e una macchia mediterranea sempre rigogliosa e protagonista.

Giorno 1 – Lipari

Il magnifico tour delle isole eolie, a piedi, in 7 giorni, può partire da Lipari, la più grande dell’arcipelago. Iniziando dalle celebri miniere di Caolino, potrete percorrere il sentiero costiero che, in appena 20 minuti di trekking, vi condurrà a Pianoro e di qui, in circa mezz’ora, raggingerete le terme San Calogero, costruite nel 1867 a partire da un sito sulfureo risalente a 3500 anni prima.

Se, invece, siete alla ricerca di un panorama unico e scorci da cartolina, il percorso consigliato è quello che porta ai celebri faraglioni di Pietralunga e Pietraminarda. Da Pianoconte dovrete procedere verso il belvedere di Quattrocchi e qui, di fronte a voi, noterete la scogliera di Sotto il Monte e i paesaggi di punta Perciato; poco lontano appariranno i faraglioni.

Giorno 2 – Vulcano

La seconda giornata del vostro trekking esplorativo a piedi, in 7 giorni delle isole Eolie sarà dedicata alla scoperta di Vulcano che, come si evince dal nome stesso, è sede di un vulcano ancora attivo. Per salire verso il cratere della Fossa, alto 300 metri, impiegherete circa un’ora di cammino durante la quale, abbandonati i panorami di sabbia nera, vi avventurerete fra sentieri di anidride solforosa sentendovi come sospesi a metà fra terra e luna.

Sulla sommità del vulcano scorgerete il panorama delle isole Eolie che si manifesta in tutta la sua rara bellezza soprattutto al tramonto e nelle prime ore del mattino.

Giorno 3 – Panarea

Panarea, celebre set cinematografico di molte pellicole di successo, può essere la meta perfetta per il vostro terzo giorno alla scoperta delle Isole Eolie a piedi. Panarea è davvero un gioiellino, minuscola e piena di tantissimi isolotti caratterizzati da una vegetazione particolarmente rigogliosa; un vero spettacolo per gli occhi. In quest’isola, uno dei percorsi di trekking più consigliati, è quello proposto dal Touring Club italiano che, partendo dal centro di San Pietro, giunge alla cima dell’isola.

Si tratta comunque di una camminata abbastanza impegnativa e non adatta a tutti pertanto, chi desidera un sentiero più rilassante, potrà optare per un percorso più breve che dalla celebre chiesa dell’Assunta giunge fino a Calcara. Attraversando piante di gerani e bouganville, in breve tempo potrete raggiungere la spiaggia di Calcara e qui, oltre il punto panoramico Conca delle Fumarole, si paleserà di fronte a voi il mare, in tutta la sua rara bellezza.

Giorno 4 – Salina

Resa celebre dal filmIl Postino” di Massimo Troisi, la spiaggia di Pollara, è uno dei fiori all’occhiello di Salina, la quarta isola che visiterete nel vostro magnifico Tour delle Isole Eolie, a piedi, in 7 giorni. Su quest’isola le possibilità di trekking non mancano e potrete avventurarvi alle pendici del Monte Rivi (854 slm) oppure verso il monte Fossa delle Felci (962 slm) sede, a primavera, della fioritura rigogliosa delle piante del cappero, che qui sono endemiche.

La salita meno impegnativa verso la montagna Fossa delle Felci ha inizio a Valdichiesa, nei pressi del Santuario Madonna del Terzito; qui, percorrendo la strada a sinistra della chiesa, e seguendo il sentiero tracciato, in due ore giungerete in vetta.

Giorno 5 – Stromboli

Amata dai vulcanologi e dagli appassionati di tutto mondo, Stromboli è sede di un vulcano ancora attivo, che regala al visitatore spettacoli di fuochi e suoni davvero suggestivi e di rara bellezza. Per raggiungere a piedi la sommità del cratere, a 926 slm, è necessario avvalersi di una guida qualificata che, in circa 3 ore (conteggiando anche due soste per il riposo) vi condurrà in cima. Con l’aiuto dell’esperto potrete scoprire i segreti della geologia e, una volta arrivati sulla sommità, ammirare l’intensità delle esplosioni, uno spettacolo che difficilmente riuscirete a dimenticare.

Per concludere la giornata in bellezza, una volta scesi, il consiglio è quello di dirigervi verso l’Osservatorio, seguendo le indicazioni per Piscinà e Ficogrande.

Giorno 6 e 7 – Filicuidi e Alicudi

Dedicherete gli ultimi due giorni alla scoperta di Filicudi e Alicudi, i due gioielli più antichi e selvaggi dell’arcipelago delle Eolie. A Filicudi (appena 9,5 kmq di superficie) potrete scalare il promontorio di Capo Graziano, distante circa mezz’ora di cammino dal porto, e di qui arrivare alle antiche Cave di Macine.

Ad Alicudi, invece, definita anche come Isola regina del trekking nel mediterraneo, potrete cimentarvi in camminate impervie, lungo antiche mulattiere che rappresentano le uniche vie di collegamento per accedere alle diverse case, e scorgere gli angoli più spettacolari e suggestivi di questo angolo di paradiso siciliano.

Avatar

Aggiungi commento