mercoledì, Novembre 20, 2019
Home > Lifestyle > Tradimenti a portata di smartphone: dalle App alla camera da letto

Tradimenti a portata di smartphone: dalle App alla camera da letto

tradimento app smartphone

Internet si è diffuso a macchia d’olio, facilitando i rapporti, ma anche i tradimenti. Ma quali sono le App più contestate dalle mogli e dalle fidanzate tradite?

 

Ormai su internet si fa di tutto, dalla spesa al business, quindi si può tranquillamente affermare che le relazioni amorose nascono e si sviluppano sul web. Ma non è solo un atteggiamento dei millennials, ma di qualsiasi coppia che vede sovrapporsi la sua vita offline a quella online.


Il primo approccio avviene spesso sui social network o su alcune applicazioni installate sul telefono,  ma il problema nasce proprio quando si arriva all’obiettivo e si inizia un rapporto amoroso; dopo aver finalmente coronato il proprio sogno d’amore infatti, non si ha la possibilità di disconnettersi dal mondo … E quindi ci sono parecchie “tentazioni” in agguato.

Per questo lo smartphone diventa complice ed oltre a moltiplicare le possibilità di evadere, dà anche l’opportunità di nascondere molto bene gli adulteri.

Abbiamo chiesto ad Anstel https://www.anstel.it, società specializzata in telefonia business, qual è la situazione attuale e se ci sono delle app realizzate per chi cerca avventure extraconiugali.

 

Non solo App di Incontri, quando il tradimento è insospettabile

App come Tinder, Meetic, Lovoo, Badoo o Gleeden sono fra quelle più utilizzate da chi cerca non l’anima gemella, ma l’online dating senza coinvolgimento.

Dal report ufficiale “Smartphone e Tradimenti” è emerso però che le applicazioni più compromettenti, sono spesso quelle di uso quotidiano e non quelle di incontri.

Ai primi posti WhatsApp, con le chat “archiviate”, ma anche Telegram con le chat che si autodistruggono. Non è fantascienza, ma la nuova frontiera della privacy.

Ma bisogna stare attenti anche alla messaggistica privata dei social network che spesso è terreno fertile per i latin lover. Secondo gli ultimi articoli di cronaca e alcuni servizi andati in onda sulla trasmissione televisiva “Le Iene”: bisogna prestare particolare attenzione agli “account falsi” creati ad hoc, dietro ai quali può nascondersi una truffa o anche il proprio “compagno/a” che ci mette alla prova.

Il diffondersi dei profili falsi su Facebook, ma maggiormente su Instagram sta prendendo sempre più piede e può arrivare a diventare stalking e delitto di sostituzione di persona.

 

La scoperta del tradimento: come avviene?

I tradimenti vengono sempre più alla luce grazie ai cellulari. Se una volta era nell’immaginario comune rappresentare l’amante chiuso nell’armadio o fuori dal balcone , ora lo vediamo sempre più spesso, anche nei film, dall’altra parte del telefono.

Secondo le statistiche infatti molti scoprono i tradimenti grazie alla cronologia delle App con GPS Tracker: come Google Maps, utilizzato come navigatore auto, o App di verifica delle prestazioni sportive come runstatic.

Anche la consultazione dei servizi di backup e in cloud, su computer condivisi, è spesso sinonimo di litigi perchè raccolgono tutte le foto personali del partner.

Da uno studio dell’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani, è in assoluto WhatsApp a svelare i segreti sulla vita personale di ognuno e viene quindi sempre più utilizzato come prova nel 40% delle cause di divorzio.

A cavalcare quest’onda ci sono anche alcuni format nati in America e diffusi poi su Youtube che propongono lo “scambio di cellulari assistito” fra coppie. Si tratta di alcuni presentatori che fermano ignare coppie e propongono loro il fenomeno dell’estate: il “phone swapping”.

A colpi di App, i conduttori cercano tutti gli scheletri nascosti nel cellulare! Di solito le coppie si prestano al gioco, anche per non destare sospetti, ma spesso si separano in diretta!

 

Redazione
Redazione
Contattaci per informazioni e collaborazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *